I social network meno convenzionali conquistano brand e consumatori. Pillole social

TikTok, Snapchat e Pinterset: velocissima ascesa

Cresce l’investimento pubblicitario sui canali social e se, come ha evidenziato la CMO Spender, survey annuale di Gartner, le aziende non hanno mai investito così poco sul marketing rispetto al loro fatturato, è pur vero che ben il 51,4% di questo investimento si è spostato sui canali social. 

Questo dato è ancora più interessante se lo colleghiamo da un lato alla ripresa degli investimenti sui tradizionali FB, Youtube e Linkedin, sovrastati l’anno precedente dal successo di Instagram, dall’altro, dalla crescente  attenzione rivolta a TikTok, Pinterest, SnapChat fino ad oggi fuori dal social maketing.

Cresce dunque la fiducia dei brand verso i canali social meno tradizionali come strumenti efficaci per raggiungere il proprio pubblico. In effetti i numeri parlano di una crescita esponenziale, si consideri il milardo di utenti ormai superato da TikTok e di un’utenza interessante anche perché più incline all’acquisto.

Quest’ultima affermazione merita una riflessione ulteriore, poiché introduce una variabile non di poco conto nella scelta di indirizzare il proprio budget verso una piattaforma rispetto ad un’altra.

Uno studio di Kantar commissionato da TikTok ha evidenziato un maggior gradimento delle ads di TikTok rispetto a quelle di altri canali social. Nielsen rispetto alle ads di Snapchat ha rilevato una maggior copertura rispetto alle stesse proposte in tv, con maggior awarness e propensione all’acquisto degli utenti. Pinterest Business, inoltre, esprime un ROI più elevato e un tasso di conversione inferiore rispetto a quello su altri social.

Le ragioni di questi successi sono da ricercarsi in diversi fattori: TikTok, Snapchat e Pinterset non sono saturati dai brand come i social classici, è di conseguenza più facile che i messaggi possano andare a buon fine. Queste piattaforme inoltre invitano alla produzione di contenuti organici, vale a dire all’interazione con l’utenza, alla partecipazione diretta che non è di norma quella dell’annuncio ads. Dunque, i brand che fanno ads con profitto su queste piattaforme riescono a comunicare nel rispetto di un’utenza che vuole fruire dei contenuti presenti senza troppe interruzioni. 

Sembra dunque essere vincente quella campagna il cui annuncio rintraccia un’esigenza dell’utente, ed è capace di adottare un linguaggio e una forma coerente all’esperienza offerta all’utente dalla piattaforma stessa.

(fonte: Report Social Trends 2022 Hootsuite)